L'immagine pellegrina della Madonna di Fatima dal 22 al 29 maggio al Santuario

L'immagine pellegrina della Madonna di Fatima dal 22 al 29 maggio al Divino Amore

"Non abbiate paura"

Tema in preparazione al centenario delle apparizioni della Madonna ai pastorelli 1917

Le celebrazioni si svolgeranno durante tutta la settimana al Nuovo Santuario

» 8.00 Santa Messa con l'accensione della lampada votiva alla Madonna di Fatima

» 9.00 Santa Messa

» 10.00 Santa Messa

» 11.00 Santa Messa

» 12.00 Santa Messa e "Regina Coeli"

» 15.00 Santo Rosario

» 17.00 Passaggio della Porta Santa della Misericordia e Adorazione Eucaristica

» 18.00 Santa Messa

» 19.00 Santa Messa

» 21.00 Fiaccolata per le vie del Santuario (tutte le sere)




Rassegna Organistica
nell'anno del Giubileo della Misericordia

Rassegna Organistica nell'anno del Giubileo della Misericordia

CALENDARIO EVENTI

» 7 dicembre ore 19.00
Concerto di apertura

Ensemble Sonorum Concentus
Organo: Cristiano Accardi
Oboe: Domenico Parrotta

» 19 dicembre ore 19.00
Concerto di Natale

Coro “Mater Divini Amoris”
Direttore: Domenico Parrotta
Organo: Cristiano Accardi

» 5 gennaio 2016 ore 19.00
Concerto alla vigilia dell’apertura dell’Anno Giubilare al Santuario

Mezzosoprano: Maria Pia Nobile
Organo: Cristiano Accardi

» 13 febbraio ore 19.00
Concerto inizio Tempo di Quaresima

Violino: Francesco Cappelletti
Organo: Cristiano Accardi

» 19 marzo 2016 ore 19.00
Concerto in occasione della nascita di J. S. Bach

La spiritualità della Passione di Nostro Signore
Organo: Cristiano Accardi

» 4 aprile 2016 ore 19.30
Concerto nella solennità dell’Annunciazione del Signore

Organo: Roberto Marini

» 13 maggio 2016 ore 19.30
Concerto in occasione dell’Incoronazione della Madonna del Divino Amore (13 maggio 1883)

Organo: Ottorino Baldassarri

» 4 giugno 2016 ore 21.00
Concerto nell’anniversario del Voto dei Romani alla Madonna del Divino Amore e salvezza di Roma

Organo: Christian Almada

» 2 luglio 2016 ore 21.00
Concerto per l’anniversario della Dedicazione

del Nuovo Santuario della Madonna del Divino Amore
Organo: Tetyana Rivis

» 7 ottobre 2016 ore 19.30
Concerto in occasione della festività della Beata Vergine Maria del Rosario

Organo: Erica Mazzola

» 19 novembre 2016 ore 19.00
Concerto alla vigilia della chiusura dell’anno giubilare della Misericordia

Ensemble Sonorum Concentus
Organo: Cristiano Accardi
Oboe: Domenico Parrotta

Con il Patrocinio del Rotary Club “Pomezia Lavinium”


Scarica la locandina in formato pdfScarica la locandina in formato pdf




Udienza Generale di Papa Francesco

Papa Francesco

Mercoledì 18 maggio 2016

Catechesi del Santo Padre

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
Desidero soffermarmi con voi oggi sulla parabola dell’uomo ricco e del povero Lazzaro. La vita di queste due persone sembra scorrere su binari paralleli: le loro condizioni di vita sono opposte e del tutto non comunicanti. Il portone di casa del ricco è sempre chiuso al povero, che giace lì fuori, cercando di mangiare qualche avanzo della mensa del ricco. Questi indossa vesti di lusso, mentre Lazzaro è coperto di piaghe; il ricco ogni giorno banchetta lautamente, mentre Lazzaro muore di fame. Solo i cani si prendono cura di lui, e vengono a leccare le sue piaghe. Questa scena ricorda il duro rimprovero del Figlio dell’uomo nel giudizio finale: «Ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero […] nudo e non mi avete vestito» (Mt 25,42-43). Lazzaro rappresenta bene il grido silenzioso dei poveri di tutti i tempi e la contraddizione di un mondo in cui immense ricchezze e risorse sono nelle mani di pochi.
Gesù dice che un giorno quell’uomo ricco morì: i poveri e i ricchi muoiono, hanno lo stesso destino, come tutti noi, non ci sono eccezioni a questo. E allora quell’uomo si rivolse ad Abramo supplicandolo con l’appellativo di “padre” (vv. 24.27). Rivendica perciò di essere suo figlio, appartenente al popolo di Dio. Eppure in vita non ha mostrato alcuna considerazione verso Dio, anzi ha fatto di sé stesso il centro di tutto, chiuso nel suo mondo di lusso e di spreco. Escludendo Lazzaro, non ha tenuto in alcun conto né il Signore, né la sua legge. Ignorare il povero è disprezzare Dio! Questo dobbiamo impararlo bene: ignorare il povero è disprezzare Dio. C’è un particolare nella parabola che va notato: il ricco non ha un nome, ma soltanto l’aggettivo: “il ricco”; mentre quello del povero è ripetuto cinque volte, e “Lazzaro” significa “Dio aiuta”. Lazzaro, che giace davanti alla porta, è un richiamo vivente al ricco per ricordarsi di Dio, ma il ricco non accoglie tale richiamo. Sarà condannato pertanto non per le sue ricchezze, ma per essere stato incapace di sentire compassione per Lazzaro e di soccorrerlo.
Nella seconda parte della parabola, ritroviamo Lazzaro e il ricco dopo la loro morte (vv. 22-31). Nell’al di là la situazione si è rovesciata: il povero Lazzaro è portato dagli angeli in cielo presso Abramo, il ricco invece precipita tra i tormenti. Allora il ricco «alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui». Egli sembra vedere Lazzaro per la prima volta, ma le sue parole lo tradiscono: «Padre Abramo – dice – abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma». Adesso il ricco riconosce Lazzaro e gli chiede aiuto, mentre in vita faceva finta di non vederlo. - Quante volte tanta gente fa finta di non vedere i poveri! Per loro i poveri non esistono - Prima gli negava pure gli avanzi della sua tavola, e ora vorrebbe che gli portasse da bere! Crede ancora di poter accampare diritti per la sua precedente condizione sociale. Dichiarando impossibile esaudire la sua richiesta, Abramo in persona offre la chiave di tutto il racconto: egli spiega che beni e mali sono stati distribuiti in modo da compensare l’ingiustizia terrena, e la porta che separava in vita il ricco dal povero, si è trasformata in «un grande abisso». Finché Lazzaro stava sotto casa sua, per il ricco c’era la possibilità di salvezza, spalancare la porta, aiutare Lazzaro, ma ora che entrambi sono morti, la situazione è diventata irreparabile. Dio non è mai chiamato direttamente in causa, ma la parabola mette chiaramente in guardia: la misericordia di Dio verso di noi è legata alla nostra misericordia verso il prossimo; quando manca questa, anche quella non trova spazio nel nostro cuore chiuso, non può entrare. Se io non spalanco la porta del mio cuore al povero, quella porta rimane chiusa. Anche per Dio. E questo è terribile.
A questo punto, il ricco pensa ai suoi fratelli, che rischiano di fare la stessa fine, e chiede che Lazzaro possa tornare nel mondo ad ammonirli. Ma Abramo replica: «Hanno Mosè e i profeti, ascoltino loro». Per convertirci, non dobbiamo aspettare eventi prodigiosi, ma aprire il cuore alla Parola di Dio, che ci chiama ad amare Dio e il prossimo. La Parola di Dio può far rivivere un cuore inaridito e guarirlo dalla sua cecità. Il ricco conosceva la Parola di Dio, ma non l’ha lasciata entrare nel cuore, non l’ha ascoltata, perciò è stato incapace di aprire gli occhi e di avere compassione del povero. Nessun messaggero e nessun messaggio potranno sostituire i poveri che incontriamo nel cammino, perché in essi ci viene incontro Gesù stesso: «Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me» (Mt 25,40), dice Gesù. Così nel rovesciamento delle sorti che la parabola descrive è nascosto il mistero della nostra salvezza, in cui Cristo unisce la povertà alla misericordia. Cari fratelli e sorelle, ascoltando questo Vangelo, tutti noi, insieme ai poveri della terra, possiamo cantare con Maria: «Ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote» (Lc 1,52-53).




Centro di Orientamento Vocazionale
per giovani

Centro di Orientamento Vocazionale per giovani
CARO GIOVANE,
Dio ha un progetto su di te!

Vieni e Vedi...

Hai bisogno di una guida, di far luce dentro di te?
Vieni ad ascoltare la voce del Signore,
a conoscere la sua volontà




Il centro è aperto tutte le domeniche

dalle ore 10.00
alle ore 12.00
e dalle ore 16.00
alle ore 18.00

accanto al Nuovo Santuario della Madonna del Divino Amore ma, se vuoi, puoi prenotare un colloquio anche fuori dall’orario scrivendo una mail a c.orientamentovocazionale@gmail.com




S. ROSARIO




SITO OTTIMIZZATO PER:
Explorer Mozilla Firefox Google Chrome

Maggio 2016

Fiaccolata a conclusione del mese mariano
» Venerdì 13
Ore 19.30 Concerto in occasione dell'incoronazione della Madonna del Divino Amore
Organo: Ottorino Baldassarri

» Sabato 14
Ore 21.00 Veglia di Pentecoste
Pellegrinaggio notturno

» Domenica 15
PENTECOSTE
Festa della Madonna del Divino Amore

Ore 21.00 Supplica alla Madonna nell'antico e nel Nuovo Santuario

» Venerdì 20
Ore 20.00 Fiaccolata nei giardini Vaticani

» Domenica 22
SANTISSIMA TRINITA'
Festa della Madonna del Divino Amore

Ore 18.00 Arrivo in elicottero dell'Immagine Pellegrina della Madonna di Fatima

» Domenica 29
CORPUS DOMINI Santa Messa e Processione
Ore 12.00 Processione Corpus Domini
Ore 18.00 Partenza della Madonna
Fazzoletti bianchi per il saluto

» Martedì 31
VISITAZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA
Festa della Madonna del Divino Amore

Ore 21.00 Grande fiaccolata di chiusura del mese mariano per le vie del Santuario




Mercoledì 6 gennaio 2016
Solenne apertura della Porta Santa

Mercoledì 6 gennaio 2016: presso la torre del primo miracolo, il Cardinale Agostino Vallini ha aperto la Porta Santa al Divino Amore guidando poi la processione verso il Nuovo Santuario, seguito dal Rettore Don Luciano e dal Parroco Don Harry, dai Sacerdoti  e dalle Suore, figli e figlie della Madonna del Divino Amore. Al termine della processione, il Cardinale Vicario ha officiato la Santa Messa. Erano presenti oltre a numerosissimi fedeli alcune autorità civili.
Giubileo Straordinario della Misericordia Presso la Torre del primo miracolo, il Cardinale Agostino Vallini ha aperto la Porta Santa al Divino Amore guidando poi la processione verso il Nuovo Santuario, seguito dal Rettore Don Luciano e dal Parroco Don Harry, dai Sacerdoti e dalle Suore, figli e figlie della Madonna del Divino Amore. Al termine della processione, il Cardinale Vicario ha officiato la Santa Messa. Erano presenti oltre a numerosissimi fedeli alcune autorità civili.
Visita la galleria fotografica

Visita la galleria fotografica




Liturgie presso la Porta Santa al Divino Amore durante tutto l’Anno Santo della Misericordia

Festivi: ore 10.00
ore 16.00
Feriali: ore 16.00




Coro Mater Divini Amoris

Coro Mater Divini Amoris
Il coro “Mater Divini Amoris”, raggiunge la sua maturazione attuale dopo un lungo cammino, si propone come organico stabile al fine di svolgere il servizio specifico di ogni schola cantorum, quello di animare le celebrazioni più importanti e significative dell’anno liturgico soprattutto nel Santuario della Madonna del Divino Amore favorendo così una fruttuosa e attiva partecipazione dei fedeli alle celebrazioni liturgiche.
Oltre al suo ruolo primario è specifico di schola cantorum nelle celebrazioni liturgiche, il gruppo corale Mater Divini Amoris in quanto gruppo in continua espansione, si propone come altro obiettivo quello di divulgare il repertorio sacro della polifonia antica e moderna in altri contesti non liturgici come in concerti e incontri di preghiera in musica.


Visita il sito www.corodivinoamore.com



CAVALIERI E ANCELLE PER LA MADONNA

Cavalieri e Ancelle per la Madonna

PER TE GIOVANE (dai 18 anni in su)
PER TE SIGNORINA (dai 18 anni in su)

DESIDERI DIVENTARE
"CAVALIERE" O "ANCELLA"
DELLA MADONNA DEL DIVINO AMORE?


Telefona al 333.9889358, ti risponderà con gioia don Giorgio, "Figlio della Madonna del Divino Amore". Ti dirà come diventarlo.



INVIA LA TUA PREGHIERA


Scarica Adobe Flash Player per visualizzare l'animazione



LA NUOVA SEDE DELL'HOTEL
DIVINO AMORE CASA DEL PELLEGRINO

Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino

Al fine di accogliere meglio i propri ospiti e di garantire loro dei piacevoli periodi di riposo e spiritualità, dal 7 luglio 2014 l'Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino è stato trasferito nella sua nuova sede, a due passi dal Santuario.
La nuova struttura, immersa nel verde, ha stanze di ampia metratura, finemente rifinite, tutte con balcone, aria condizionata e rivestite con parquet.




Visite guidate

Una delle vetrate artistiche del nuovo Santuario del Divino Amore

ALLA SCOPERTA DEL SANTUARIO DELLA MADONNA DEL DIVINO AMORE

“Fa o Madre nostra che nessuno passi mai da questo Santuario senza ricevere nel cuore la consolante certezza del Divino Amore” Giovanni Paolo II

Il Santuario della Madonna del Divino Amore propone ai pellegrini che lo desiderano visite guidate alla scoperta della bellezza del luogo lungo un itinerario che si snoda tra storia e arte, fede e cultura.

Tappe:

  1. L’ Antico Santuario
  2. La Rassegna Mariana e la Mostra sulla Sacra Sindone
  3. La Cripta: Don Umberto Terenzi e i coniugi Luigi e Maria Beltrame Quattrocchi
  4. La Torre del Primo Miracolo e il pellegrino viandante.
  5. La salvezza di Roma, il voto dei romani e il Nuovo Santuario.

Info e Prenotazioni:
Ufficio parrocchiale: tel. 06.713518
L’appuntamento per l’inizio delle visite è nel piazzale antistante l’Antico Santuario.




Dal Seminario del Divino Amore

I seminaristi dei Seminari della Diocesi di Roma durante il convegno. Sulla destra il gruppo dei seminaristi del Seminario
della Madonna del Divino Amore

Si Ricomincia …

L’ordinazione sacerdotale di Don Prakash e Don Sijo, è stato il più importante evento dell'anno accademico passato. Dopo la vendemmia si prepara la vigna del Signore perché sia rigogliosa e porti buoni frutti. Con il convegno dei seminaristi romani a Sacrofano è iniziato il nuovo anno formativo del nostro seminario. I nuovi media: sfide, opportunità e pericoli già nel tempo della formazione in vista di una identità sacerdotale autentica, è stato il tema del convegno. Sono intervenuti diversi esperti da varie università ecclesiastiche.
E' emerso con chiarezza che il mondo della comunicazione, le innovazione tecnologiche sono preziosi nella formazione e nell’evangelizzazione ma il più efficace rimane sempre il metodo di Gesù: stare in mezzo alle gente. D’altronde la trasmissione della fede in maniera virtuale corre il rischio di privare i pastori dell “odore delle pecore”, come dice Papa Francesco.
All' incontro hanno partecipato 125 seminaristi circa, i formatori dei seminari della Diocesi di Roma, il Cardinal Vicario Sua Eminenza Agostino Vallini e il Vicegerente Sua Eccellenza Fillipo Iannone. Sono stati giorni molto intensi e coinvolgenti: gruppi di lavori, confronto con i relatori, con i formatori e con il Cardinal Vicario e il Vicegerente. Al di là del fascino del tema, il convegno è stato per i seminaristi un' occasione importante per conoscersi fra di loro poiché si formano in quattro luoghi diversi.
La comunità del nostro Seminario con una celebrazione Eucaristica ha manifestato la sua gratitudine a Don Domenico Parrotta, che dopo sette anni di servizio come vice rettore ha assunto un altro incarico pastorale nel Santuario. Il nuovo vice rettore è Don Fidel Medina, colombiano, con diversi anni di esperienza come parroco e vicario parrocchiale. A Don Fidel auguri di buon lavoro!
Ringraziamo il Padrone della vigna, che continua a chiamare nuovi operai, per i sei giovani che iniziano il loro cammino vocazionale con l’anno propedeutico. Sono ragazzi che hanno accettato la grande sfida della chiamata alla sequela del Signore, dopo aver completato studi universitari e dopo un’esperienza nel mondo del lavoro. A loro auguriamo un buon cammino.
Chiediamo a voi, carissimi devoti e pellegrini del Santuario della Madonna del Divino Amore, di essere vicini a questi fratelli sostenendo loro con la preghiera.
La preghiera potrà aiutare anche tanti giovani che fingono di non aver sentito o che hanno paura di rispondere alla chiamata del Signore, sarà per loro una luce e uno stimolo per non temere di fidarsi di chi possiede il segreto della felicità, cioè di una vita pienamente realizzata posta nelle mani del Signore.

Don Vincent Pallipadan
Rettore del Seminario


Visita il sito del Seminario




Torna in alto


Santuario della Madonna del Divino Amore - Via del Santuario 10 - 00134 ROMA - tel. 06.713518 - fax 06.71353304