Breve visita

Visite guidate

ALLA SCOPERTA DEL SANTUARIO DELLA MADONNA DEL DIVINO AMORE

“Fa o Madre nostra che nessuno passi mai da questo Santuario senza ricevere nel cuore la consolante certezza del Divino Amore” Giovanni Paolo II

Il Santuario della Madonna del Divino Amore propone ai pellegrini che lo desiderano visite guidate alla scoperta della bellezza del luogo lungo un itinerario che si snoda tra storia e arte, fede e cultura.

Tappe:

  1. L’ Antico Santuario
  2. La Rassegna Mariana e la Mostra sulla Sacra Sindone
  3. La Cripta: Don Umberto Terenzi e i coniugi Luigi e Maria Beltrame Quattrocchi
  4. La Torre del Primo Miracolo e il pellegrino viandante.
  5. La salvezza di Roma, il voto dei romani e il Nuovo Santuario.

Info e Prenotazioni:
Ufficio parrocchiale: tel. 06.713518
L’appuntamento per l’inizio delle visite è nel piazzale antistante l’Antico Santuario.




Breve visita ai luoghi del Santuario

Di seguito è riportata l'immagine ripresa dal satellite del comprensorio del Divino Amore.
E' possibile cliccare sui segnaposti rossi per visualizzare l'immagine e il nome del luogo corrispondente.
Il navigatore, posto sul lato sinistro della foto, permette inoltre di navigare su di essa e di agire sullo zoom per avvicinare la mappa nel punto desiderato oppure per accedere ad una porzione più vasta di territorio.
Buona Visita!


Grazie per la vostra visita!
La Madonna desidera ricambiare la vostra visita entrando nelle vostre case con la sua materna benedizione.

Scarica la mappa del comprensorio del Santuario del Divino Amore in formato pdf Scarica la mappa del comprensorio del Santuario del Divino Amore in formato pdf

  1. Antico Santuario (1745),
    costruito sui ruderi di Castel di Leva, custodisce l'affresco con l’Immagine miracolosa e numerosi ex-voto. Costituisce come il cuore di tutto il complesso.
  2. Cappella delle Confessioni.
    Realizzata nel 1983, Anno Santo della Redenzione, è uno spazio sacro utile per la riflessione, la preghiera personale e per il sacramento della Riconciliazione. E' bene destinare alla Confessione un tempo e anche un luogo adeguati.
  3. Cappella dello Spirito Santo.
    Fa parte del complesso della Casa del Pellegrino, si trova a sinistra del Santuario Vi si celebrano abitualmente i Battesimi ogni Domenica.
  4. Sala degli oggetti religiosi.
    Vi sono conservati molti ex-voto di ogni tipo ed in particolare trofei di celebri sportivi, vi si possono acquistare oggetti religiosi, immagini sacre, libri di preghiera per i propri cari e per gli amici, quale segno di un ricordo nella preghiera ai piedi della Madonna del Divino Amore.
  5. Comunità alloggio per anziani
    Si trova nell’antica sede, in legno, del Seminario del Divino Amore, completamente ristrutturata.
  6. Lumi in onore della Madonna
    Una volta venivano accesi all'interno del Santuario tante candele e tanti lumini, ora vi è un luogo, dietro al Santuario, dove si possono accendere questi segni luminosi di devozione, davanti all'immagine della Vergine. La fiamma viva deve ricordare il dono della fede e il dovere della carità.
  7. Rassegna Mariana
    Collocata sotto la Cappella delle Confessioni è una galleria dove sono esposte oltre mille immagini della Beata Vergine venerate nei Santuari d'Italia e del mondo. Ogni immagine è anche espressione della pietà popolare di intere comunità, talora di intere nazioni, e ricorda la storia spesso dolorosa di un popolo. E' suddivisa in stand regionali e quando vi giungono i visitatori ciascuno va alla ricerca dell'immagine a lui più cara. Un sorriso segnala l'incontro, con tanti ricordi mentre un'invocazione affiora alle labbra.
  8. Mostra fotografica della Sindone
    Si trova di fronte alla Rassegna mariana. Il celebre lenzuolo che avvolse il corpo di Gesù ha rivelato particolari impressionanti sulla passione e la morte del Signore. Le immagini della Sindone aiutano a capire quanto ha sofferto il Cristo. Il documento è l'unico testimone della risurrezione del sepolcro. Vi sono anche suggestive immagini della Sacra rappresentazione della Passione che si tiene al Santuario.
  9. Bar, Ristorante, Pizzeria
    Si trova presso l’antico Santuario.
  10. La Cometa
    E' la residenza, accanto all’antico Santuario che ospita, dal 25 aprile 2005, il Consultorio per il Clero e per la vita Consacrata.
  11. Cripta del Santuario
    Era la cisterna dell'antico castello medioevale. Nel 1947 Don Umberto Terenzi (primo Rettore e Parroco del Santuario) ne fece una splendida chiesa, con il mosaico del Buon Pastore nell'abside, e il sepolcro di Gesù dove la Vergine Addolorata, accanto a Gesù morto, ci guarda per dirci: vi ho dato un bambino a Betlemme, e mi restituite un freddo cadavere. Aiutatemi ad asciugare il sangue a Gesù morto! La salma di Don Umberto riposa ai piedi dell’Addolorata. Presso la Cripta si trova anche la Tomba dei due sposi beatificati insieme i Beati Luigi e Maria Beltrame Quattrocchi.
  12. La Torre del Primo Miracolo
    L'immagine miracolosa della Madonna del Divino Amore, custodita all'interno del Santuario, era dipinta in affresco sulla sommità della torre, presso la quale nel 1740 un pellegrino assalito da cani feroci fu salvato dopo l'invocazione rivolta con fede alla Madonna.
  13. Via Matris
    Lungo il viale che parte dalla Torre del Primo Miracolo sono dislocate le sette stazioni della Via della Madre Dolorosa che ricordano i momenti della vita di Maria SS.ma, particolarmente contrassegnati dal dolore.
  14. Centro Parrocchiale
    Comprende la Cappella della Santa famiglia, le sale per il catechismo, l’Oratorio, le sedi: Scout, Anziani, Caritas, Scuola di musica, Banda musicale e altri ambienti al servizio della comunità.
  15. Seminario della Madonna del Divino Amore dopo una permanenza di alcuni anni in Via Castel di Leva, è ritornato vicino al Santuario nella “Casa Don Umberto Terenzi”.
  16. Oasi dell’Accoglienza
    Ha la sede nella “Casa Madre Elena", si prende cura dei bambini talassemici che devono subire il trapianto del midollo osseo.
  17. Chiesa a cielo aperto
    Dal 25 settembre 2004, è dedicata al primo martire gitano il Beato Zeffirino. Si trova sulla collina, a cento metri davanti alla Torre del Primo Miracolo.
  18. Grotta di Lourdes
    Davanti alla Torre del Primo Miracolo, esiste un'antica grotta di tufo. Fu sistemata, come luogo di devozione, nel 1958 a ricordo del centenario delle apparizioni della Beata Vergine a Lourdes. Vi si recano anche di notte molti fedeli per una preghiera e una visita alla Madre del Signore.
  19. Casa della Madonna
    È il complesso che comprende la Casa Madre delle suore "Figlie della Madonna del Divino Amore" e il Noviziato. Si trova alle spalle dell’antico Santuario sulla collina di fronte alla Torre del Primo Miracolo.
  20. Centro della Gioia
    Struttura all’avanguardia con la Scuola per l’Infanzia, due case famiglie e il Poliambulatorio.
  21. Nuovo Santuario
    Costruito alle pendici della collina, nella valle è stato consacrato da Padre Giovanni Paolo II il 4 luglio 1999. Progettato da Padre Costantino Ruggeri di Pavia assieme all'Arch. Luigi Leoni, è pienamente inserito nel verde della campagna romana: ha per tetto un prato verde e le pareti sono costituite da immense vetrate artistiche. Il grand’organo, unico nel suo genere, è al servizio della liturgia. Il nuovo Santuario testimonia il voto fatto dai romani nel 1944, mentre Roma correva il pericolo di essere distrutta dagli eventi bellici. La Madonna compì il miracolo e Roma fu salva.
  22. Cappella del SS.mo Sacramento
    E' stata costruita all'interno del Nuovo Santuario. Il grande tabernacolo di marmo ha la porticina come un pane dorato tracciato da una croce. Dal 25 marzo 2007 vi si svolge, in silenzio, l’Adorazione eucaristica perpetua, notte e giorno. Il clima mistico, creato dalle bellissime vetrate, favorisce l'adorazione, la preghiera personale e la meditazione.
  23. Cappella delle confessioni nel nuovo santuario
    Vi sono piccole cellette allietate dai colori delle vetrate. Domina un grande crocifisso scolpito in legno di P. Costantino, in alto sulla croce appare già il segno della gloria. Soltanto nella Cappella delle confessioni si trova un vetro completamente nero!
  24. Auditorium
    Realizzato sotto al nuovo Santuario, contiene 800 posti. Ottimo per Congressi, conferenze, concerti, spettacoli.
  25. Hotel Divino Amore Casa del Pellegrino
    È in funzione dal 1983, al servizio della missione del Santuario. L’accoglienza, la ristorazione e la cordiale ospitalità, favoriscono il clima ideale per il soggiorno d famiglie e di gruppi, per convegni, incontri, giornate di preghiera e di spiritualità.
  26. Casale San Benedetto
    E’ al servizio delle attività socio-caritative del Santuario. In quel Casale, sulla collina a Nord-Est è nata l'Opera della Madonna del Divino Amore. Don Umberto Terenzi lo prese in affitto all'inizio degli anni trenta, vi accolse gli orfani, formò le prime suore e sviluppò le opere di carità.
  27. Sala del Laghetto, Centro Mostre.
    Vicino al laghetto del nuovo Santuario c’è una grande sala al servizio dei pellegrini con Bar e spazi per la ristorazione, pranzi al sacco, ricevimenti.
  28. Grotta di Elia
    La grotta naturale di tufo è situata quasi alla base della collina di fronte al nuovo Santuario. E' stata dedicata il 31 maggio 2007, al Profeta Elia perché, mentre fuggiva per evitare la vendetta della Regina Gezabele, rifugiatosi in una grotta, fece l'esperienza dell'incontro con Dio, quando sentì "il mormorio di un vento leggero" (I Re 9,18).
  29. Laghetto con il Monumento a Cristo vicino al nuovo Santuario
    È un'opera d'arte in bronzo, vetro e marmo di Don Antonio Nardi. Sta lì a testimoniare come anche in un Santuario mariano il posto centrale lo deve occupare sempre e soltanto il Cristo. La Madonna ha il compito di accompagnarci al Lui e la gioia di farcelo incontrare.
  30. Centro Sportivo Divino Amore
    Si tratta di una moderna struttura per le attività sportive della Comunità parrocchiale, con campi di calcio, calcetto, palestra, pattinaggio, basket, servizio bar, viali, piazzale, parcheggi e tanto verde.
  31. Sala delle grotte
    Nel 1992, mentre andava avanti la progettazione, spesso molto complessa, del nuovo Santuario, nella parte meridionale delle mura perimetrali sono stati ricavati, da antiche grotte scavate nel tufo e un tempo abitate dai pastori, alcuni spazi meravigliosi dedicati ad incontri, alla convivialità, a mostre e ad altre attività.





Torna in alto

Santuario della Madonna del Divino Amore - Via del Santuario 10 - 00134 ROMA - tel. 06.713518 - fax 06.71353304